Semifreddo di castagne e ricotta

Semifreddo-castagne-ricotta
Questo semifreddo di castagne e ricotta vaccina l’ho preparato velocemente venerdì scorso per la prima cena dopo estate.
In foto, pessima, c’è l’unico superstite della serata…

La preparazione è molto semplice soprattutto se usi le castagne lessate sottovuoto, io le prendo all’Esselunga ma si trovano anche alla Coop ed al PAM molto più care però!

Questa volta ho usato anche un nuovo addensante, lo xantano (E415). Favoloso ma da maneggiare con attenzione dotandosi di una bilancia di precisione!

Lo Xantano viene utilizzato nella cucina senza glutine perché consente d’incordare l’impasto; in pratica, sostituisce il glutine o meglio, le sue caratteristiche meccaniche nei composti di farina ed acqua.
E’ un polisaccaride ottenuto tramite fermentazione batterica dell’amido di mais con capacità idrocolloidi che a contatto con l’acqua forma una massa viscoelastica; ha capacità tixotropica cioè la massa viscosa passa allo stato liquido per effetto della semplce agitazione o vibrazione, e tornano a coagulare quando l´azione meccanica cessa.

Ingredienti
500 gr. di ricotta vaccina
400 gr di castagne lessate
100 gr. di zucchero
1 gr. di xantano
Facoltativo: per il colore, cacao in polvere quanto basta

Preparazione
Nel bicchiere del frullatore aggiungi tutti gli ingredienti e frulla.
Semifreddo-castagne-ricotta
Assaggia il composto per verificare la dolcezza, quindi aggiungi il cacao per rendere il colore più scuro (facoltativo).
Versa il composto ancora fluido in una saccapoche e riempi gli stampi.
Semifreddo-castagne-ricotta
Poni in congelatore per 4/5 ore quindi rovescia ed elimina le sbavature coi polpastrelli dalla superficie superiore infine, spolvera con cacao in polvere poco prima di servire.

Semifreddo di castagne e ricotta ultima modifica: 2013-11-05T11:30:02+00:00 da Jo Pistacchio

4 pensieri su “Semifreddo di castagne e ricotta

      1. Gianni

        Grazie. Posso chiederti un tuo parere sulle gelatiere Musso? Ho visto che tu segnali un altro produttore che non conoscevo. Grazie, Gianni

        Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *