Sorbetto di maracuja, frutto della passione


Come anticipato ieri, ecco il primo dei sorbetti di frutta esotica: sorbetto di maracuja o frutto della passione.

La maracuja o frutto della passione è una delle numerosissime specie del genere Passiflora (nello specifico la Passiflora edulis sims).
Il nome frutto della passione (in inglese, passion fruit) può essere interpretato come sinonimo; nei Paesi di lingua spagnola è noto anche come granadilla.
La pianta è originaria del Sudamerica.
Esistono due varietà principali di maracuja, quella che si trova in Italia ha la buccia di colore rosso (quasi viola).
La maracuja è particolarmente profumata; di forma ovale o rotondeggiante di taglia medio-piccola, può raggiungere un diametro di 3,5- 7 cm (e 4-9 di lunghezza). La buccia, non commestibile, è spessa e robusta, grinzosa a maturazione. La polpa gelatinosa e profumata, di sapore dolce-acidulo e tonalità giallo-rosate, contiene numerosi semini.

La miscela di maracuja è molto facile da preparare trattandosi di un sorbetto, la difficoltà è reperire la frutta matura al punto giusto.
Il frutto della passione ha una resa molto bassa e difficilmente si trova con un tenore di zuccheri superiore al 7%.
Il mio succo ha un tenore di zuccheri quasi del 12%: 12BRIX misurati col rifrattometro.
La miscela è costituita dal 40% di frutta così il gusto rimane molto acidulo.

Attrezzatura
Blendtec wildside, frullatore.
Nemox PRO1700, gelatiera.
Contenitore da 1,2 litri, pentolino.

Sorbetto di maracuja, frutto della passione

Tempo di preparazione: 1 hour, 10 minutes

Tempo di cottura: 5 minutes

Tempo totale: 19 hours, 15 minutes

Ingredienti

450 gr. di polpa di maracuja (frutto della passione)
400 gr. di acqua
230 gr. di zucchero
40 gr. di glucosio
2 gr. di carragenina

Preparazione

La sera prima passa la polpa di maracuja congelata in un recipiente e ponilo in frigorifero.
La mattina dopo prepara lo sciroppo con l'acqua e lo zucchero, meno un paio di cucchiai.
Prendi un pentolino e ponilo a fiamma alta versaci tutta l’acqua e lo zucchero ed appena inizia a bollire, versa anche il glucosio. Fai raffreddare.
Infine, dopo aver mischiato lo zucchero residuo con la carragenina aggiungi un po' di polpa di maracuja; versa tutto nel pentolino e porta quasi ad ebollizione.
Nel bicchiere del frullatore Blendtec versa lo sciroppo, la polpa di maracuja ed il composto suddetto ancora caldo, seleziona "beverages" poi, "XL smoothie" e fai 3 ciclo. La miscela dovrà risultare perfettamente liscia ed omogenea.
Versa in un contenitore alto di plastica alimentare e poni in frigorifero per almeno 4-5 ore.
Versa nella gelatiera per circa 40 minuti, quando il colore inizierà a schiarirsi il sorbetto di maracuja sarà quasi pronto.

Sorbetto di maracuja, frutto della passione ultima modifica: 2012-05-21T01:00:36+00:00 da Jo Pistacchio

6 pensieri su “Sorbetto di maracuja, frutto della passione

  1. Cristiana

    Ciao, scusa se disturbo, dobve trovi la polpa di maracujia..io ho fatto un gelato con la polpa fresca alla mia bambina che ne è ghiotta ma era pieno di semi e non voglio ridurmi a fargliela con il succo del China and Afrivan market. Pensaco di comprare la polpa surgelata da ACAI italia …li conosci ?
    Cristiana

    Replica
  2. Cristiana

    Grazie mille !!! Però.. credo ci sia un errore non ci conosciamo….posso fare la sfacciata e chiederrti dove comprare l’alginato sia di sodio E401 siaE 405 ALGINATO DI PROPILENGLICOLE E 405 per quelli alla frutta e la carragenina….devo dirlo a qualcuno..,
    dopo pochi mesi con il gelataio simac 5000 vado alla Nemox a prendere la tua gelatiera!!!!
    Complimenti sei bravissimo e molto gentile
    Cristiana

    Replica
    1. Jo Pistacchio Autore articolo

      Sorry…ho sbagliato Cristiana.
      Aspetta, ti consiglio di comprare la farina di semi di carrube almeno per i sorbetti (frutta).
      Alginato di glicole propilenico? Non ti basta l’alginato di sodio?
      🙂
      Per la gelatiera aspetta che ci saranno forse delle novità…

      Jo

      Replica
  3. Cristiana

    Mi basta mi basta solo che sul libro di Caviezel lui parla di alginato di propilenglicole per la frutta………ma tu l’ alginato di sodio ove lo pigli ?
    Novità in casa NEMOX od in casa Pistacchio ? 🙂

    Replica
    1. Jo Pistacchio Autore articolo

      Però hai il libro del maestro! D’accordo, chino il capo.
      Vedi però che il libro è un po’ datato, cioè è stato scritto quando non c’erano le cose che ci sono oggi.
      L’alginato l’ho comprato in Francia, poi in Germania.
      Entrambe

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *