Firenze Gelato Festival 2012, osservazioni


Mercoledì scorso c’è stata l’apertura del Firenze Gelato Festival 2012, in piazza Santa Maria Novella dove potevi trovare gli stand dei maestri gelatieri e di alcuni emergenti. Personalmente preferivo piazza Pitti, più raccolta, più lineare. Non che questa piazza non meriti però, quel prato “spellecchiato”…con qualche panchina e col caldo. Beh si poteva fare di più per i visitatori…
Ecco parliamo proprio di questi, quest’anno il Firenze Gelato Festival non mi è sembrato “tarato” per il visitatore, il turista, l’appassionato di gelato!

A partire dal prezzo della Gelato card!
Spropositato!

Ho seguito personalmente lamentele da parte di persone ma anche tra gli addetti ai lavori.
15,00 euro per 4/5 assaggi in bicchierino, quando a quel costo puoi comprare 5 gelati veri (cono o coppetta che siano) è un autogoal!
Lo scorso anno per 5 assaggi, 7 euro.
Se sei goloso ed appassionato con la ricarica da 6,00 euro prendi altri 5 assaggi pertanto alla fine il conto totale è: 10 assaggi per 21,00 EURO!
Mi auguro che non sia per la crisi dell’euro, ma solo quella dell’MPS…
Sempre tante gelaterie di Firenze aderenti al “circuito” ma quest’anno senza ticket dell’autobus incluso, forse da fare completamente a piedi ma senza una piantina (non presente tra i tanti gadget inutili) con i punti geolocalizzati mi è sembrata più una “caccia alla gelateria”.

Quest’anno tanti sponsor oltre ai soliti della filiera, tante manifestazioni, eventi…tanti gadget in busta ma pagati dall’utente, dal visitatore.
Simile alla tassa di soggiorno: voglio che venga il turista ma lo tasso! In questo caso però è molto diverso, forse si pagano servizi non richiesti o addirittura inutili.
Un altro esempio fuori tema? Gli ultimi cofanetti dei pink Floyd, proposti a prezzi stratosferici dove la musica è contorniata da gadget improbabili ed inutili!

Gli eventi culturali?
Nella sezione cultura ho visionato la mostra fotografica di Alinari, abbastanza interessante, e quella di Fabbri, molto forte e provocatoria (da profano, la definirei un mix di Toscani e Cattelan…).
Che dire dell’apertura al pubblico della Grotta Grande di Bernardo Buontalenti nel Giardino di Boboli nel programma? E’ stata inaugurata solo sabato anche se era in programma per tutto il festival. L’unico evento culturale che ritenevo interessante…

…e la fontanella di Publiacqua. Qualcuno l’ha vista?
Possibile che l’installazione sia stata così nascosta dietro lo stand di Carpigiani?
Veramente pazzesca!
Qualcuno di publiacqua è venuta a vederla, si è lamentato almeno?

Dulcis in fundu…la presenza dello stand Titto in bella mostra nel festival del gelato artigianale, o sbaglio?
Gelato+aria venduto a chilo, precisamente a 1,80 EURO/kg in selfservice.

Un vero oltraggio al Gelato artigianale!
Meno male che era fuori concorso altrimenti le decine di persone che ho visto in fila lo avrebbero anche votato.

Sinceramente è questo il punto, è il gelato il vero protagonista?
Ai partecipanti la risposta, a voi i commenti.

Firenze Gelato Festival 2012, osservazioni ultima modifica: 2012-05-28T01:00:15+00:00 da Jo Pistacchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *